Il ministro dello sport Andrea Abodi è intervenuto nel corso dell’evento Orientamenti 2023 di Genova, parlando del caso calcio e scommesse.

“Noi siamo condannati a confrontarci anche con le cadute e quindi l’importante è come si affrontano i momenti difficili come questo: con lucidità, con la voglia di risolvere il problema, anche se probabilmente il problema non si risolve. Evidentemente è la dimostrazione che dobbiamo lavorare molto di più sulla formazione, sulla responsabilizzazione anche a un livello professionistico, c’è un margine di miglioramento”, ha sottolineato.

“Se cade un professionista si rischia anche che interpreti male tutto il mondo che guarda al professionismo in termini quasi esemplari. E questa è la ragione per la quale stiamo definendo la carta dei doveri. Non è che con questo risolveremo, però è un altro contributo alla responsabilizzazione. Oltre a firmare il contratto classico del calciatore o del professionista sportivo, dove spesso sono molto più evidenti i diritti dei doveri, il professionista dovrà leggere questa carta dei doveri e sottoscriverla augurandoci che non intervengano altri fattori di fragilità sociale, perché è evidente che qui stiamo a livello di patologie vecchie e nuove che dobbiamo cercare di contrastare”, ha detto.

“La ludopatia – ha concluso il ministro- è un tema che purtroppo coinvolge e travolge milioni di italiani e soprattutto tanti giovani e quindi è ancora più importante che quel livello del professionismo sappia raccogliere questa sfida e contrasti queste forme di dipendenza che sono certamente diseducative. Non ci preoccupano e non ci abbattiamo per le difficoltà, le affrontiamo con slancio, con determinazione, senza ipocrisie ma con il massimo della trasparenza e vogliamo anche che non ci siano omertà, cioè che escano fuori le cose perché le problematiche si affrontano con questo spirito”, ha concluso. cdn/AGIMEG

By admin

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir